Home » Fermi News » QUANDO L’AMORE PER L’ARTE DIVENTA SCELTA DI VITA

Al Fermi doppio appuntamento con l’arte: il giorno 20 e il 21 maggio, le classi prime  esecondo del nostro istituto hanno incontrato il dottor Ferdinando Creta, direttore del Teatro Romano di Benevento, che ha parlato del suo amore per l’arte e i beni culturali, nato per carso ma poi diventato la sua passione, nonché il suo lavoro. Ha condiviso con i ragazzi e le ragazze del nostro istituto le sue diverse esperienze, tra cui la realizzazione del Museo degli Argenti di Guardia Sanframondi e il restauro della Chiesa di S. Francesco – Sant’Agata dei Goti – Benevento

Proprio in merito a quest’opera, il dottore Creta ha raccontato alle ragazze e ai ragazzi che la chiesa e l’annesso convento furono costruiti tra il XII e il XIII secolo, a ricordo del passaggio in città di S. Francesco d’Assisi: la facciata è barocca, ma si conserva l’antico campanile gotico; l’interno, a navata unica, è più dichiaratamente settecentesco, mentre gli affreschi sono opera di Giaquinto del 1703; il coro, il pulpito e la cantoria, in legno intagliato, sono della fine del XVIII secolo, così come il cassettonato. Si conserva anche un bellissimo pavimento maiolicato, opera dei fratelli Massa.

La struttura decorativa del pavimento era ideata secondo un’ariosa composizione concepita architettonicamente e costituita da un insieme raccordato di racemi, animali esotici e figure allegoriche, che partendo dall’ingresso copriva tutta la navata, raggiungendo gli altari laterali fino agli scalini dell’altare maggiore.

La parte interessata dall’intervento a cui lui ha partecipato, spiega alla platea studentesca, è quella che si estende dalla zona dell’altare maggiore fino a superare la prima fila delle tombe ipogee.

Le sue parole hanno messo in luce quanto sia fondamentale perl’Amore per l’arte, soprattutto attraverso la funzione decisiva dei musei e della sovrintendenza agli stessi, così come decisive sono le azioni di recupero dei beni artistici trafugati. Ne abbiamo un esempio a distanza ravvicinata: il vaso di Assteas, di cui il dottor Creta ha raccontato la storia del ritrovamento, analizzando in maniera chiara e appassionata l’opera, diventata fiore all’occhiello del Museo Caudino.

L’intento delle due giornate è stato quello di avvicinare i ragazzi all’arte in modo da far conoscere il proprio territorio ricco di storia, beni culturali, di condividere con loro un Amore per l’arte che vada al di là della semplice conoscenza, ma che si nutra di scoperta e di curiosità, che si alimenti delle emozioni che un’opera d’arte riesce a veicolare superando i confini del tempo.

Tutto ciò è stato possibile grazie alla disponibilità del dottor Ferdinando Creta, che ha coinvolto alunne e alunni attraverso racconti di esperienze di vita vissuta, curiosità e analisi di opere d’arti del nostro territorio, vicine fisicamente ma spesso date per scontate.

 

 

 

 

 

 

Condividi:
Subcribe to my feed Follow on Twitter Like On Facebook Subscribe on YouTube Email to us

Seguici su Twitter per le news

Ultimi atti nell’Albo on line

Atti Correnti 7
di cui Annullati 0

Le ultime pubblicazioni

I. I. S. "Enrico Fermi"
Via Vitulanese - 82016 Montesarchio (BN)
DR Campania - Ambito BN-5
Dirigente scolastico: Pasqualina Luciano
Telefono: 0824 847291 - 0824 847260
E-mail: bnis00300n@istruzione.it
PEC: bnis00300n@pec.istruzione.it
Codice fiscale: 80000020620
Codice meccanografico: BNIS00300N
C/C postale: 12816823
IBAN: IT 54 S 01030 75000 000063221442
Codice Univoco ufficio: UF8KTR


Archivi



Condividi


Seguici